Materie BioPlastiche : il policarbonato da limoni e CO2

Il policarbonato è un tipo di plastica ampiamente usato nell’industria moderna: ogni anno diversi milioni di tonnellate di questo materiale sono prodotti in tutto il mondo per realizzare oggetti di ogni tipo e la maggior parte per complementi di uso quotidiano.

La preoccupazione principale di questa questione è che uno dei precursori del policarbonato è il bisfenolo A, un potenziale elemento cancerogeno: attualmente i Paesi come la Francia, la Danimarca e la Turchia hanno vietato questa sostanza per la fabbricazione di bottiglie.

Recentemente, un gruppo di ricercatori dell’Istituto catalano di ricerca chimica (ICIQ) guidato da Arjan Kleij, ha sviluppato un metodo per la produzione di policarbonati da limonene (una sostanza che viene estratto da scorze di agrumi) e CO2, entrambi i prodotti naturali ed abbondante.

Il limonene è responsabile per la sostituzione di bisfenolo A: Kleij dice che il bisfenolo A è sicuro, ma solleva preoccupazioni, anche perché è derivato dal petrolio. “Il nostro metodo lo sostituisce con limonene, che può essere isolato da arance e limoni, dandoci un’alternativa più verde e sostenibile”, aggiunge.

In questo momento, sostituire completamente bisfenolo A da limonene potrebbe essere complicato per materie plastiche industriali. Così Kleij spiega che: “Possiamo cominciare con l’aggiunta di piccole quantità di limonene e poi gradualmente sostituire completamente Bisfenolo. Il processo di adattamento ci potrebbe portare a trovare nuovi biomateriali derivati da limonene con proprietà simili a policarbonati attuali, o addirittura migliorare la loro con nuove funzionalità. ”

Questa scoperta è anche riuscito a migliorare le proprietà termiche del biopolimero derivato da limonene, dal momento che ha la più alta temperatura di transizione vetrosa che sia mai stato descritto per un policarbonato.

“Siamo stati molto sorpresi, perché di solito le bioplastiche sono peggiori rispetto ai tradizionali polimeri proprietà,” Kleij spiega, “All’inizio eravamo scettici, ma siamo riusciti a replicare gli esperimenti e confermare i risultati”, conclude il ricercatore.

Questo miglioramento consentirà nuove plastiche fondono a temperature più elevate e quindi più sicuro utilizzare su base giornaliera. Per non parlare si potrebbe scoprire, alla fine, centinaia di nuove applicazioni per i policarbonati.

Attualmente, la squadra sta negoziando con diversi produttori di plastica Kleij per promuovere lo sviluppo industriale e commerciale delle loro biomateriali a base di limonene.

© FAIZANE' s.p.a.Via Monte Pasubio, 150 - 36010 Zanè(VI) - Italy - Tel. 39 0445 318318 - Fax 0445 318300 - E-mail:info@faizane.com - C.F. & P.IVA 00731010245 VI116-10474 Cap. Soc. Interamente Versato
© FAIZANE' s.p.a. - il presente sito e tutti i contenuti, fotografie e materiale di download riportati, sono di proprietà esclusiva di Faizane s.p.a e ne è vietata la riproduzione senza esplicito consenso.