La ripresa dei consumi italiani di PVC

Da sette anni i consumi di PVC in Italia sono continuamente diminuiti (a parte un piccolo rimbalzo nel 2010): un calo totale vicino al 30%.

Nel 2014 sembra che la situazione inizi a cambiare: infatti, sono stati impiegate 650mila tonnellate contro le 640mila del 2013.

Probabilmente è l’indice di un trend che si inverte, forse ritornando al 2007, prima dello scoppio della crisi economica, quando il consumo di PVC era pari a 980 mila tonnellate.

All’interno dei dati si evince un doppio binario: da una parte la diminuzione dell’impiego del PVC rigido (-1,47%), dall’altra la crescita (+4,7%) del pvc flessibile.

Il principale settore che impiega il PVC è quello edilizio, con un terzo dei consumi complessivi; seguono il mercato dell’imballaggio (in lieve calo), quello automobilistico e dell’industria elettrica, entrambi in ripresa.

Ancora, cresce l’esportazione del PVC, mentre rimane invariata la produzione di quello riciclato.

I dati sono elaborati da Plastic Consult per conto di PVC Forum Italia.

PVC ripresa consumi

© FAIZANE' s.p.a.Via Monte Pasubio, 150 - 36010 Zanè(VI) - Italy - Tel. 39 0445 318318 - Fax 0445 318300 - E-mail:info@faizane.com - C.F. & P.IVA 00731010245 VI116-10474 Cap. Soc. Interamente Versato
© FAIZANE' s.p.a. - il presente sito e tutti i contenuti, fotografie e materiale di download riportati, sono di proprietà esclusiva di Faizane s.p.a e ne è vietata la riproduzione senza esplicito consenso.