Tubi in gomma o treccia metallica per i freni delle moto ?

L’importanza dei un sistema frenante efficace è vitale per una moto: per questo sussitono diverse soluzioni per quanto concerne l’azionare i dischi anteriori, soprattutto in merito alla massimizzazione di sicurezza e performance.

A tale proposito, le Case scelgono tra impianti frenanti con tubi in gomma (specie le giapponesi) oppure per quelli in treccia metallica: ecco le risposte di Honda, Suzuki e Ducati.

HONDA: Nella progettazione delle moto, anche supersportive, Honda tiene conto del fatto che essendo omologate per l’uso su strada, per motivi di sicurezza devono garantire una frenata non solo potente ma anche perfettamente modulabile. In ogni caso, sulla Fireblade le tubazioni di serie prevedono il solo archetto sul parafango in treccia metallica, per avere la stessa pressione sulle pinze. Il resto delle tubazioni è realizzato con materiali che assecondano perfettamente anche la guida estrema in circuito, poiché la messa a punto dell’impianto è il frutto di estenuanti collaudi anche in questo contesto.

SUZUKI: I principali fattori che ci inducono a preferire tubi in gomma sono le ottime prestazioni – paragonabili a quelle di tubi treccia –, il fatto che la sicurezza non sia in alcun modo compromessa e la maggior versatilità anche nel caso di layout complicati, visto che i tubi in gomma sono molto più flessibili. Precisiamo che sia i tubi in gomma sia i tubi in treccia metallica vengono omologati con i medesimi test SAE J 1401, ottenendo la relativa certificazione.

DUCATI: Ducati per i freni sceglie i tubi in treccia perché li ritiene più affidabili e performanti di quelli in gomma.

© FAIZANE' s.p.a.Via Monte Pasubio, 150 - 36010 Zanè(VI) - Italy - Tel. 39 0445 318318 - Fax 0445 318300 - E-mail:info@faizane.com - C.F. & P.IVA 00731010245 VI116-10474 Cap. Soc. Interamente Versato
© FAIZANE' s.p.a. - il presente sito e tutti i contenuti, fotografie e materiale di download riportati, sono di proprietà esclusiva di Faizane s.p.a e ne è vietata la riproduzione senza esplicito consenso.